T>energy

Tempa Rossa, tempo di un PAES avanzato

Realizzare un piano che possa essere un modello per l’Italia intera. L’obiettivo è ambizioso ma possibile, come spiega Ignazio Petrone, Presidente della Società Energetica Lucana, che la Regione Basilicata ha indicato come il soggetto pubblico competente a redigere i PAES dei vari comuni, migliorandone così l’efficienza energetica.

Che differenza c’è tra i PAES realizzati finora e quelli di tipo “avanzato”?

A oggi sono stati redatti i PAES di 32 Comuni delle provincie di Matera e Potenza, e altri sono in fase di elaborazione. Si tratta di documenti di pianificazione, che perseguono obiettivi generali relativi al bilancio delle emissioni del singolo territorio e alla stima dell’efficienza energetica raggiungibile dall’intera comunità. I PAES che stiamo elaborando in collaborazione con Total per i Comuni di Corleto Perticara, Guardia Perticara e Gorgoglione, conterranno anche uno studio di dettaglio utile per individuare i singoli interventi di riqualificazione energetica che porterebbero in classe energetica C ogni edificio, migliorandone l’efficienza energetica e riducendo moltissimo i relativi consumi annui di energia.

A livello pratico cosa significa?

Per redigere un PAES necessitano almeno due figure professionali specializzate: un esperto di efficienza energetica e di fonti rinnovabili e un esperto di programmazione comunitaria. I PAES dei Comuni di Tempa Rossa, invece, richiedono un investimento più grande perché si intende realizzare lo studio di dettaglio di tutto il tessuto urbanistico. In concreto, ciò si traduce in una squadra di tecnici che impiegano attrezzature tecnologicamente avanzate per studiare analiticamente i singoli edifici.

In cosa consiste il lavoro?

I tecnici elaborano i dati storici raccolti, e fanno sopralluoghi in ciascun edificio, pubblico e privato. I Comuni garantiscono ai tecnici l’accesso a tutti i fabbricati, per consentirne il monitoraggio e capire i singoli interventi per migliorare l’efficienza energetica dello stabile. Entro l’estate 2014 consegneremo i risultati di questo lavoro. I Comuni e i cittadini conosceranno le azioni da intraprendere e l’investimento necessario. Sperando che questo sforzo prodotto da Total e Società Energetica Lucana possa rappresentare un modello di riferimento a livello nazionale.