Total E&P Italia

T>energy

Lavoro senza confini

Luglio 2014

Giovani, ma comunque ricche di una storia professionale che le rende delle “veterane”. Preparazione e voglia di sperimentarsi in ogni ruolo. Caterina Cruciani e Tilly Undi hanno una formazione e un lavoro differenti ma anche molti elementi comuni, a cominciare dal corso di studi e dall’innata curiosità per le sfide nel mondo petrolifero.

Caterina Cruciani, Development & Planning Engineer

Caterica Cruciani“Sono Development & Planning Engineer in Total”. Così si definisce professionalmente Caterina Cruciani. Una definizione che poco dice senza una spiegazione e di certo non evidenzia la vocazione per il lavoro nel mondo del petrolio che ha reso lei, appena trentacinquenne, una professionista che vanta già otto anni di lavoro all’estero. “Attualmente il mio lavoro mi vede impegnata in due compiti principali. Il primo riguarda lo sviluppo di nuovi progetti e, quindi, del futuro dell’azienda. Il secondo invece riguarda la pianificazione strategica delle azioni in corso. Nel primo caso verifico le analisi compiute durante gli studi tecnici per i nuovi prospetti e, nel caso di Tempa Rossa, controllo la fase che segue il petrolio dal Centro Oli fi no a Taranto. L’altra metà del mio lavoro si traduce nella verifica dei dati tecnici sui profili di produzione, dei costi operativi e degli investimenti, collaborando con l’area finanza per le attività di pianificazione strategica di lungo periodo”. Dopo la laurea in ingegneria chimica, si trasferisce subito in Francia per conseguire il master in Raffinazione, Ingegneria e Gas all’Istituto Francese del Petrolio nel 2003. Entra nel mondo del lavoro con Air Liquide, dove lavora per tre anni in qualità di ingegnere di processo. Poi, grazie alla costanza nell’aggiornare il proprio curriculum nel database di Total, le nuove esperienze descritte la rendono un profilo interessante e presto arriva una proposta di lavoro in qualità di architetto GNL (gas naturale liquefatto) nella divisione Gas&Power. Ruolo che presto cambia, perché dopo pochi mesi, nell’ambito della stessa direzione tecnica, inizia a occuparsi di nuove energie, nello specifico carbone e biomasse. Dopo quattro anni prevale la voglia di cambiare e conoscere il mondo dell’esplorazione e produzione di petorlio. “L’occasione si è concretizzata nel 2011, quando Total E&P Italia cercava professionalità come la mia per ricoprire il posto”. Oggi lavora a Roma, ma ammette “da un punto di vista professionale mi sento quasi più francese che italiana”.

Tilly Undi, project engineer

Tilly Undi“Vado dove posso imparare qualcosa di nuovo, mi interessa fare esperienze di lavoro diverse”. Tilly Undi ha le idee molto chiare e il curriculum di questa ventinovenne romana con una laurea specialistica in Ingegneria Ambientale avvalora le sue parole: è al lavoro per Total da solo sei anni, ma ha già ricoperto incarichi in tre Paesi differenti. La sua formazione le ha consentito un’efficace gestione di svariati progetti: dalle bonifiche, occupandosi di raffinerie di petrolio e di siti di produzione, stoccaggio e distribuzione nel settore marketing, fino alla realizzazione di centrali fotovoltaiche. L’esordio nel mondo del lavoro è datato 2008 in Inghilterra, per seguire un progetto inerente la cattura e lo stoccaggio di CO2. Ma presto è già pronto un altro incarico di lavoro importante: occuparsi della bonifica per la ricostruzione di un terminal petrolifero. In poco tempo diventa responsabile dei progetti di bonifica di Total UK e segue anche il progetto di cessione degli asset della filiale. È una grande opportunità perché la sua preparazione si perfeziona a 360 gradi. “Si trattava di progetti nei quali dovevo gestire direttamente l’intero processo dall’inizio alla fine, dal punto di vista autorizzativo, finanziario e ingegneristico”. Forte di questa vasta competenza, nel 2011 si trasferisce a Parigi come responsabile di progetti di bonifica del Refining e Marketing. Poi un nuovo cambiamento: diventa Coordinatore ambientale nelle zone di Asia &Pacifico, Europa e Global Businesses ed entra anche a far parte del team che segue la costruzione di centrali fotovoltaiche in California, Cile e Sudafrica. E si giunge a quest’anno: il 16 febbraio 2014, torna a Roma, come Ingegnere di Progetto. “Nella mia esperienza di lavoro in Total si è sviluppato quasi naturalmente quello che in Francia chiamano réseau, una rete di legami e confronto continuo che si mantiene anche quando i colleghi si trasferiscono in altri Paesi o su progetti div

Seguici su facebook© Total 2019 Privacy policy | Legal | Mappa | Rss | Credits Partita Iva: 10569621005