Total E&P Italia

T>energy

Tempa Rossa, la selezione per la formazione

Dicembre 2013

Prima della formazione, però, i 54 giovani operatori hanno dovuto partecipare a un processo di selezione lungo ed estremamente complesso. Avviato nel 2008, è durato molti mesi: non ci si potevano permettere errori nel valutare i candidati a ricoprire un ruolo così delicato. Gli operatori devono essere persone qualificate e desiderose di migliorare la propria formazione, coscienti dell’importanza del ruolo che andranno a ricoprire e consapevoli della fatica di lavorare su turni, ininterrottamente, con qualsiasi condizione meteorologica.

La scrematura

Questo spiega con chiarezza perché il processo selettivo è stato lungo e complesso: si è dovuto passare dalle oltre 2500 candidature agli attuali 54 operatori impegnati sui banchi della scuola di formazione. Nella prima fase, aperta a tutti, i candidati hanno presentato una domanda in formato elettronico. L’analisi del database, sul quale sono stati registrati tutti i requisiti inseriti, ha permesso di effettuare la prima selezione in base alla conformità tra le dichiarazioni e le caratteristiche richieste e scegliere chi poteva proseguire la propria corsa verso la formazione.

Il colloquio

TestChi è risultato idoneo ha potuto incontrare, nella seconda fase, i professionisti di un’agenzia di selezione esterna a Total, che hanno provveduto a verificare quanto dichiarato: i candidati sono stati sottoposti a un test di conoscenze tecniche, a un test di lingua inglese e a uno di francese, a un colloquio di gruppo e a un colloquio individuale. Solamente 230 candidati sono riusciti a passare alla terza fase, preliminare all’inizio del percorso di formazione e l’approdo a Tempa Rossa.

L’entrata in campo di Total

Questa ha coinvolto direttamente il personale Total, che ha dialogato con i potenziali nuovi operatori in colloqui svolti in binomio. Un referente delle risorse umane e uno dell’area exploitation hanno dato una valutazione tecnica e motivazionale, partendo dal curriculum vitae, valutando le esperienze pregresse, la conoscenza dell’azienda, il ruolo da ricoprire, e saggiandone la motivazione. Dei 230 candidati poco più della metà sono giunti al passaggio successivo.

A questo punto, la quarta fase è passata nuovamente in mani esterne a Total.

Stop inatteso

Una società di valutazione del personale è stata coinvolta per approfondire le attitudini dei candidati con strumenti psicometrici e psicoattitudinali. Però nel 2008 l’iter di avvio dell’intero progetto di Tempa Rossa rallenta, salta l’intero cronoprogramma e anche il processo di selezione propedeutico alla selezione dei candidati da avviare alla formazione deve fermarsi. Nel 2012, ottenute tutte le autorizzazioni del caso, si decide di ripartire dal lavoro già fatto: i candidati superstiti sono stati sottoposti nuovamente al processo di selezione svolto quattro anni prima.

Da capo

Una scelta necessaria per verificare e aggiornare caratteristiche, competenze e motivazione dei candidati operatori del Centro Oli di Tempa Rossa. Così c’è stato un nuovo colloquio con le risorse umane e con la funzione tecnica di Total, per comprendere cos’era mutato in quattro anni. E infine si è ripetuta anche la valutazione psicoattitudinale dei candidati rimasti, realizzata dal personale della medesima società di consulenza del 2008. A questo punto, in possesso di tutti gli strumenti per valutare i candidati e decidere su chi investire di tanta responsabilità, con corposi dossier costruiti con i contributi delle varie fasi, Total ha “solo” dovuto scegliere i 54 futuri operatori di produzione del Centro Oli di Tempa Rossa.

Seguici su facebook© Total 2019 Privacy policy | Legal | Mappa | Rss | Credits Partita Iva: 10569621005