Total E&P Italia

T>energy

Il futuro è ancora fossile

Marzo 2013

Futuro FossileGli idrocarburi di origine fossile (ovvero il petrolio e il gas naturale) saranno i protagonisti assoluti del nostro prossimo futuro. Queste le stime dell’AIE, l’Agenzia Internazionale dell’Energia che prevede, nei prossimi 20 anni, una crescita del 30% della domanda di energia rispetto ai livelli odierni. A fare la parte del leone saranno Cina, India e Medio Oriente che, trainate da un forte sviluppo economico, assorbiranno il 60% dell’incremento totale.

Se nel 2012 la domanda globale dovrebbe attestarsi a 89,7 milioni di barili di petrolio al giorno (in leggero aumento agli 88,9 milioni di barili del 2011), entro il 2035 l’AIE prevede che dovrebbero estrarsi circa 100 milioni di barili di petrolio ogni giorno.

E per il futuro?

Qualunque futuro ci aspetta è chiaro che le politiche di efficienza energetica e di promozione delle fonti rinnovabili, anche aggiungendo il contributo del nucleare, non riusciranno a soddisfare la domanda globale di energia e supportare così lo sviluppo economico. L’impiego di petrolio, gas e carbone rimarrà ancora centrale almeno per le prossime due decadi. Gli scenari immaginati dall’AIE al 2035 confermano lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile, le quali però soddisferanno solo circa un terzo della produzione mondiale di elettricità. Da sole, insomma, non potrebbero garantire un adeguato sviluppo in tutto il mondo.

Il petrolio sarà determinante

Per comprendere al meglio le previsioni dell’Agenzia Internazionale dell’Energia è necessario citare tutti i fattori e le variabili in campo. Spesso, infatti, si tende a dimentica che il “paniere” energetico non comprende solo i consumi elettrici ma deve considerare anche altre voci quali i trasporti e il riscaldamento. Tenendo conto anche di queste due voci, ecco che circa l’80% dei nostri bisogni energetici sarà ancora soddisfatto da energia ricavata da combustibili fossili. Petrolio in testa.

Futuro in movimento

Il motivo, a pensarci, è piuttosto evidente: il settore dei trasporti, strettamente legato all’impiego di combustibili fossili, sarà responsabile di oltre il 50% del consumo mondiale di petrolio. Questo perché il futuro verso cui ci incamminiamo vedrà raddoppiare il numero di autoveicoli per il trasporto passeggeri nei prossimi due decenni, mentre la domanda di trasporto merci su strada sarà all’origine del 40% dell’aumento della domanda petrolifera mondiale.

Seguici su facebook© Total 2019 Privacy policy | Legal | Mappa | Rss | Credits Partita Iva: 10569621005